Storia di Cometh: parola d’ordine innovare

//Storia di Cometh: parola d’ordine innovare

Un brevetto per un piano vaporizzatore e la voglia di migliorare

Chissà cosa passava per la testa di Luigi Zanuso poco più che ventenne quando ottenne il brevetto del piano stirante.
Per fortuna, oggi ancora glielo possiamo chiedere.
Ma al di là delle parole, sono le espressioni del suo viso a raccontarci la storia di Cometh.
Negli occhi di Luigi ancora si scorge la luce di quell’ardore che lo ha spinto a costruire Cometh e che poi ha trasmesso a suo figlio Luca, oggi a capo dell’azienda.
Era l’entusiasmo che avevano quei giovani del dopo guerra e che li ha resi capaci di costruire l’industrioso nord-est.
La visione innovativa del futuro è stato l’ingrediente che ritroviamo ancora oggi nel dna di molte imprese che hanno fatto la storia dell’industria italiana e non.
Da Ford ad Olivetti, tutti uomini che, come Luigi, parlavano di innovazione, ottimizzazione e semplificazione, pensando sempre alle nuove esigenze delle persone.
La fortuna aiuta gli audaci scrivevano i nostri antenati latini!

La storia inizia con le presse da stiro

Inizia proprio così la storia di Cometh s.r.l, nel 1962, con la costruzione di macchine e presse da stiro.
In un momento storico nel quale  nascevano maglifici in ogni garage e i capi fatti in Italia venivano venduti in tutta Europa.

C’era la necessità di aumentare la produttività.
Poco più che ventenne, con pochi soldi in tasca ma molta voglia di creare qualcosa di nuovo, Luigi seppe comprendere l’importanza del co-working.
Lavorare insieme per andare più lontani.

La storia della sua azienda gli dà perfettamente ragione e con un socio finanziatore di Thiene dà vita a ” Costruzioni Meccaniche Thienesi”, che ha creduto nella sua visione ha dato il risultato che vediamo oggi.
Un’azienda forte capace di rispondere in maniera adeguate alle sempre diverse esigenze del cliente.

Dalle macchine da stiro ai generatori di vapore

Già dopo pochissimi anni, Cometh iniziò a progettare e realizzare generatori di vapore di piccole e medie dimensioni.
Oggi, a distanza di 57 anni, l’azienda continua a innovare.
Cometh però mantiene il carattere iniziale di azienda dove si progetta e si realizza tenendo sempre presente l’esigenza e gli obiettivi che il cliente vuole raggiungere.
Oggi Cometh ha in produzione una gamma di caldaie a vapore che partono da una potenza di 5 kg/h vapore sino a raggiungere i 600 kg/h e tutte le caldaie sono esenti da conduttore patentato.

Cometh: una risposta per diverse domande

L’innovazione costante nella storia di Cometh ha portato l’azienda, con la guida di Luca Zanuso, ad avere la risposta giusta a diverse tipologie di esigenze.
Oggi Cometh realizza generatori elettrici, a gas, a metano e a gasolio, adatti ai diversi reparti industriali.
Gli impianti di Cometh sono impiegati per:
• Lavanderie e stirerie
• Settore tessile
• Industria agroalimentare e conserviera: caseifici, pastifici, lavorazione di carni ed insaccati
• Impianti per il packaging termoretraibile
• Impianti per la distillazione chimica, galvanica e orafa.

Molto altro può essere raccontato di quest’azienda, fiore all’occhiello del tessuto industriale italiano, attraverso la realizzazione degli obiettivi desiderati, ottenuti da chi si è avvalso degli impianti realizzati da Cometh.

By |2018-10-12T16:47:14+00:00settembre 27th, 2018|Senza categoria|